Rifiuto di celebrare il matrimonio

Print Friendly, PDF & Email

Secondo l’art. 97a CC, l’ufficiale di stato civile competente può rifiutarsi celebrare il matrimonio qualora uno dei fidanzati manifestamente non vuole creare una comunione coniugale, bensì eluderle norme sull’ammissione e il soggiorno degli stranieri.

Si tratta di una concretizzazione del principio del divieto dell’abuso di diritto.

Affinché l’ufficiale di stato civile possa rifiutarsi è necessario che siano adempiute condizioni cumulative. Da un lato, gli interessati non devono avere alcuna volontà di fondare una comunione coniugale: non desiderano formare una comunità di una certa durata, rispettivamente duratura, a carattere esclusivo, caratterizzata da componenti spirituali, fisici e economici.

D’altro canto, essi devono avere l’intenzione di eludere le normative sull’ammissione e il soggiorno degli stranieri.

L’adempimento di queste condizioni deve essere manifesto.